Menu Home

Amore e ordine

L’amore è una parte dell’ordine. L’ordine precede l’amore e l’amore può svilupparsi solo in base all’ordine. L’ordine è preposto. Se capovolgo questo rapporto e voglio trasformare l’ordine attraverso l’amore, sono destinato a fallire. L’amore è subordinato a un ordine, e dopo si può crescere. Così come il seme è subordinato […]

Movimento dello spirito

Il grande movimento dello spirito ė un movimento UNO, omnicomprensivo, mai duale: in esso c’è spazio per ogni movimento della coscienza umana, duale, sempre in bilico tra bene e male, giusto e sbagliato, vittima e carnefice. Osservare che il male si nutre del bene e che il bene si nutre […]

Chi costella e chi no… perchè?

Quando a un facilitatore viene chiesto: “si può costellare”? La risposta è: “dipende”.Non prestabilisco mai chi si siederà sulla sedia. Simpatica? antipatica? Non mi interessa. Non è questo che conta. Il facilitatore deve essere fedele al campo a mio avviso, non al denaro.  Posso anche proporlo a un cliente in […]

L’umiltà davanti ai Genitori e il segreto della Conoscenza

Umiltà: chinare il capo è difficile? andiamo alle origini… Una toccante rappresentazione multidimensionale e spirituale giovedì sera mi ha mostrato con chiarezza disarmante come l’Umiltà possa raggiungersi soltanto attraverso un percorso bidirezionale: cielo-terra/terra-cielo. Chiamiamoli Shiva e Shakti nel loro moto opposto dentro di noi, chiamiamoli archetipi del maschile e del […]

Prese di coscienza o scheletri nell’armadio?

Chi non ha uno scheletro nell’armadio alzi la mano! Un post in odore di Halloween 😉 Ogni volta in cui contrastiamo e combattiamo una nostra sofferenza cercando di eliminarla o di eliminare il presunto/la presunta responsabile (la parola presunto/a è fondamentale), ingigantiamo la sofferenza e ingigantiamo il peso della situazione. […]

Campo cosciente condiviso: amore e pretesa

Oggi vorrei portarvi una riflessione relativamente al “campo” che si determina in ogni gruppo costellativo, una riflessione che nasce dall’esperienza prima ancora che dalla teoria che già ci racconta questa particolarità. Ogni gruppo determina un campo cosciente condiviso che ci conduce e ci sostiene, una sorta di “Travaso di coscienze” […]