Category Archives: Rapporto con il Padre e la Madre

All’altezza delle aspettative

Vivere agendo per contrastare ciò che gli altri si aspettano da te,

anche quando credi di farlo per liberarti delle loro aspettative,

ti rende due volte schiavo e la tua riuscita di apparente liberazione, rischia di essere una magra soddisfazione.

Gli occhi che contano sono solo e soltanto i tuoi…

Soprattutto quando sai chiuderli per spalancare quello interiore.

SaraMaite

#costellazionifamiliari

http://www.naturenatura.com

Sara Maite Girardi cell. 393 1159019

Per gruppo o consulenza individuale

Nevrosi di classe: identità ereditata

Le nevrosi  più terribili e incurabili sono dovute al sentimento primo, quello di non essere accolti nel mondo con amore” (Pier Paolo Pasolini, Lettere Luterane)

La lotta di classe, pur non immaginandola come la forza motrice che le attribuisce il marxismo, è in ogni caso una realtà. E lo è proprio perché il ricordo delle passate battaglie sociali sono ancora tessere molto vive nelle generazioni presenti, anche quando questi rapporti hanno ormai smussato violenze e hanno assunto nature diverse.

Il sociologo clinico Vincent De Gauléjac parlando di “lotta per i primi posti”, definisce le nevrosi collegate all’insieme di rivendicazioni individuali e di determinismi collettivi registrati nell’inconscio attraverso le trasmissioni generazionali, come “un conflitto psichico senza causa organica, i cui sintomi sono l’espressione simbolica di una contesa che ha le sue radici nella storia del soggetto è che costituisce un compromesso tra il desiderio e la difesa”.

La continua doppia costrizione degli uomini della società moderna, presi tra i fuochi del bisogno di lealtà socio-familiare da un lato e della volontà di realizzazione personale per se stessi e per i loro discendenti dall’altro, è un potente motore di patologie di tipo nevrotico transgenerazionale.

Questo perché nonostante ognuno di noi abbia una propria irriducibile specificità, siamo ugualmente dipendenti dall’ambiente sociale a cui apparteniamo e dove ci sviluppiamo. La famiglia con il suo capitale culturale, economico, simbolico, di sistemi di valori e di modalità educative, influisce ineluttabilmente sul divenire degli individui, sia sotto l’aspetto dell’integrazione sociale, che nel percorso di studi, non tralasciando nemmeno la vita affettiva e sessuale.

I genitori pur coltivando per i figli un “progetto parentale” che consiste nel miglioramento sociale, dall’altra parte trasmettono la lealtà alla tradizione familiare: quindi la classe sociale di appartenenza si scontra con il desiderio di avanzamento e con l’ingresso in una classe superiore.

Questa contraddizione in termini collettivi può avere conseguenze inaspettate per quanto riguarda la problematica di tipo transgenerazionale, in particolare se il fallimento di un tentativo di progresso sociale viene vissuto come un’umiliazione non solo personale  ma anche della comunità , divenendo una “impasse genealogica” o segreto familiare, che può provocare fallimenti, soprattutto personali, di intere generazioni.

Il “non detto”  porta una persona a ritrovarsi bloccata in parti di se stessa identificate inconsciamente con gli antenati, ma che rifiuta perché collegate ad emozioni negative o a situazioni indesiderabili, con in aggiunta una lealtà familiare invisibile che impedisce di liberarsene.

Alla base oggi di molte crisi nevrotiche di immobilità sociale, c’è il divario tra l’identità acquisita, cioè la nostra origine sociale e la posizione sociale dei nostri genitori, e quella sperata, cioè il posto che sogniamo di occupare. Ad esempio se un bambino da piccolo aveva genitori che erano domestici, o portieri, o contadini, o operai e crescendo li ha visti umiliati o sottoposti ad altri, la sua immagine di famiglia ideale verrà completamente cancellata e di conseguenza se, da adulto ricoprirà una qualsiasi posizione dirigenziale, vivrà presumibilmente all’interno di se stesso un profondo conflitto,  nonostante il progetto parentale volesse  la sua promozione sociale per evitare al figlio le medesime umiliazioni.

Non dimentichiamo che fino a non molto tempo fa la mobilità sociale era molto scarsa e i concetti di continuità e di trasmissione erano iscritti nella struttura della società cosicché era probabile che i figli seguissero le orme dei genitori. Oggi in contrapposizione  si assiste a una crescita dell’individualismo dove l'”io” è divenuto un pesante fardello, perché non si tratta più di inserirsi in una linea familiare per fare quello che facevano i genitori, ma di diventare autonomi, costruirsi e assumersi la responsabilità di se stessi.

La mobilità sociale è ineluttabilmente in crescita, ma l’identità ereditata rimane un fattore sociologico importante per capire la base del destino individuale, la maggiore o minore attitudine o aspirazione a occupare un determinato posto nella società. E ugualmente gli stessi fratelli possono avere destini diversi e occupare posti diversi, anche se provengono dallo stesso clan, perché oltre al determinismo sociale, il romanzo familiare che ognuno di noi assimila, ha una notevole importanza e viene recepito assieme ad altre varianti trans generazionali.

Rifacendoci a un concetto elaborato da Freud che sottolineava come i bambini adottati si costruivano dei fantasmi circa le loro origini, per correggere la realtà, idealizzando la famiglia originaria per sopportare meglio quella di adozione; nel medesimo modo all’interno delle famiglie vengono da generazioni messi in scena i cosidetti “romanzi familiari “, con fiabe piene di bambini in cerca di origini, in genere nobili, che tracciano scenari senza nessuna oggettività. E se da un lato, in particolari contesti di ricorrenze e feste familiari, dove la dimensione del racconto si mescola a quella inconscia con lo scopo di trasmettere o nascondere verità scomode alle nuove generazioni, spuntano nelle conversazioni familiari racconti quali “Un tempo eravamo molto ricchi, poi le cose sono andate male….”, dall’altro i veri segreti di famiglia che bussano prepotentemente alla memoria del clan, hanno un peso enorme.

Portare con sé il fantasma di una diversa origine sociale è più diffuso in alcune classi che in altre, per questo nel romanzo familiare lo scenario più comune è la ricerca di un’origine familiare prestigiosa, dato che avere una posizione sociale più elevata apre spesso delle prospettive liberanti, ma acquisisce anche una forte ambivalenza perché nasconde un risentimento, un senso di vergogna, un desiderio di vendetta, o addirittura un odio di classe inconfessato, che attraversa varie generazioni.

Il legame tra sociale e affettivo è una delle forze motrici del conflitto e della nevrosi. E non è mai una semplice ripetizione, perché ciò che si ripete da una generazione all’altra sono le contraddizioni o i conflitti  irrisolti dei genitori, ma non si ripetono mai allo stesso modo perché lo scenario cambia, il contesto sociale cambia ed il lavoro dell’ individuo sulla sua storia è cambiato. Qualsiasi segreto condiziona comunque ogni tipo di scelta, anche quelle affettive. E anche se in apparenza i protagonisti vivono una storia d’amore, la spinta può arrivare dalle rispettive famiglie. Non è un caso il proverbio che cita “donne e buoi dei paesi tuoi”.

La scelta di un partner è nello stesso tempo affettiva, sessuale e sociale. Se al “cuor non si comanda”, la ragione però sa benissimo la posizione sociale della persona verso il quale il cuore batte. E in un matrimonio le differenze di classe sono terribili, ma le possibilità sono molteplici, perché una famiglia è sempre formata da due linee di discendenza che derivano da altre quattro, e inoltre la famiglia non è stabile. Con ogni generazione si riproduce ma anche si trasforma. È il figlio che crea la famiglia, non la coppia. E siccome riceviamo questa eredità alla nascita, se i genitori hanno interiorizzato un sentimento di vergogna legato a umiliazioni e non sono riusciti a liberarsene, il figlio ne verrà marchiato, ma non sarà condannato a ripetere quel sentimento.

La vergogna è sempre indissociabile dal segreto di famiglia e così i discendenti continuano da una parte a mantenerlo per lealtà, mentre dall’altra sentono il bisogno di liberarsene per alleggerire la carica affettiva legata al disonore e alla colpa. Eppure c’è una differenza tra colpa e vergogna, la prima é legata a qualcosa di proibito che facciamo, la seconda è legata a qualcosa che siamo ed ha una impronta fortemente narcisistica e altrettanto fortemente sociale.

Liberarsi dai sensi di inesattezza legati alle nevrosi di classe è comunque possibile perché qualsiasi conflitto si trasforma in nevrosi solo se non viene risolto. L’individuo ha sempre una parte di libertà e può diventare qualcosa di diverso da quello che avrebbe dovuto diventare, perché i determinismi sociali non funzionano meccanicamente e quello che noi definiamo “il nostro romanzo familiare”, se lo leggiamo, è qualcosa che ci può condizionare solo a metà.

Grazie

Elisabetta Adele

elisabetta.ziliotto@yahoo.it

Immagini di proprietà del web

Per saperne di più 

V. de Gauléjac La nevrose de classe Hommes et Group, Paris 1987

V. de Gauléjac L’histoire en héritag Desclée de Brouwer, Paris 1999

J.E. Young, J.S. Klosko Reinventa la tua vita, Mondolibri, Milano 2005

Vuoi organizzare un gruppo con me o contattarmi per sedute individuali di Costellazioni Familiari e di Theta Healing?

Messaggiami al 347 5545941

Elisabetta Adele Ziliotto

 

Finalmente Soli!

Pensavi di essere da solo/a nell’intimità della tua camera da letto?

Ti piacerebbe!

Spesso non è così.

A una seconda “vista”, a parte i figli che ogni tanto si infilano a dormire (e non è sempre un caso), possiamo incontrare le ombre degli ex e delle ex, quelle dei nostri genitori e addirittura dei nostri avi.

Le loro programmazioni, il loro vissuto da noi giudicato, i loro debiti o crediti nella coppia, vivono in noi in modo più o meno consapevole.

Di rado “l’alcova” è un fatto privato: sono con noi tutti coloro con cui esiste una sorta di conto in sospeso, coloro da cui non ci siamo mai separati mai completamente a livello profondo.

“Sei violento come tuo nonno!” “Sei una vittima come tua madre”

“Il sesso è sporco, lo diceva sempre mia nonna!”. Un compagno mai dimenticato, un tradimento mai metabolizzato, o il nostro essere cocco di mamma o cocca di papà!

E chi più ne ha più ne metta!

Osservando e includendo interiormente nel sistema con amore queste persone della nostra vita, dando dignità alla loro vita così com’è stata e, parlando di genitori e avi, rispettando il loro vissuto di coppia, perché unico e non giudicabile, potremo giungere al sospirato:

“finalmente soli!”

Buona giornata!

Sara Maite Girardi

#costellazionifamiliari

http://www.naturenatura.com

Immagine da web

Contattami per organizzare un gruppo con me o per una costellazioni familiare individuale via skype: 393 1159019

Fantasmi e angeli nel paese degli antenati

“Finché non saprai come morire e poi rinascere, rimarrai un viaggiatore infelice su questa terra oscura” (Goethe).

Nel rapporto con la morte hanno origine le nostre angosce che spesso ci colgono di sorpresa, ed è difficoltoso vedere di primo acchito, che sono il sintomo di un viaggio interrotto verso i regni dell’invisibilità; un mondo dove però è segretamente custodito il nostro potere creativo e la nostra possibilità di essere liberi e realizzati.

Il regno di Ade è la dimensione dell’invisibilità, è l’universo dell’anima, degli avi, dei sogni, delle possibilità non ancora esplorate. Ade non è solo la fine di qualcosa ma anche ciò verso cui la vita tende, il senso profondo della nostra missione nel mondo.

Come nel Faust, il mercuriale Mefistofele proclama così il segreto della vita e della creazione: ” Formarsi, trasformarsi, eterno giuoco dell’eterno senno“. Analogamente nel mito del Ritorno dal Paradiso, gli indiani Navajo parlano degli eroi ancestrali come di esseri che discendono dal cieli e si trasformano in umani e animali, per poi risalire nuovamente in cielo e ritornare ancora sulla Terra per materializzarsi in forme riconoscibili.

Un eterno processo di trasformazione tra l’ umano e il divino. Un procedimento simile al modo in cui il materiale genetico contenuto nel DNA viene rilasciato da una cellula per poi essere incorporato in un’altra.

Eppure i meccanismi psicologici di questi processi di trasformazione sono spesso tormentosi e le societá, e prima ancora i condizionamenti religiosi, hanno creato terreno fertile a vulnerabilità, perdita, rabbia, depressione e ansia, trasformando il passaggio a una vita rinnovata, in uno spaventoso e sconosciuto passaggio oscuro.

Nel XIX secolo, grazie all’ oscurantismo  modernista, il corpo umano e il sesso sono stati letteralmente torturati sotto l’impero di un’alleanza tra clero, medici e madri di una borghesia di stampo cattolico, che ha causato due patologie di massa: l’isteria femminile (la vergine Maria) e il feticismo maschile (le case chiuse). Ed è in questo contesto di caos peculiare dell’Occidente, che è nata la psicanalisi di Freud che analizzava l’umanità spezzandola in due, la mamma e la puttana; dimenticando così il modo in cui si trasmette la “malattia degli antenati”.

Ecco che però ad un tratto fa capolino la parola “fantasma”, un vocabolo che riflette tutta l’attrazione e la paura atavica dell’uomo verso la morte. I sentimenti per una persona scivolano nell’ inconscio con la sua perdita terrena, che appare come personificazione di una energia vitale che subisce un processo di conflitto o di integrazione, comunque di cambiamento, e che ci lascia del tutto spaesati.

Interessante è il concetto di “fantasma” elaborato tra gli anni ’50 e ’70 dello scorso secolo, dagli psicanalisti  della scuola francese, Nicolas Abraham e Maria Torok, che avevano constatato, con un approccio estremamente rigoroso di conoscenza del linguaggio, del corpo e delle risonanze transgenerazionali,  come il fantasma si trasmetta di generazione in generazione, riprendendo il taoismo cinese che misura il destino in un lasso di nove generazioni, e la Bibbia in sei o sette, arco di tempo in cui le “colpe dei padri ricadranno sui figli”. Superando in questo Freud che aveva deciso di ignorare addirittura i nonni.

Freud che era un neurologo, non uno psichiatra, qualcosa di transgenerazionale lo aveva intuito, ma in seguito proprio per vivessitudini legate al suo albero familiare, rispose all’amica Lou Andréas-Salomé quando lo interrogò al proposito: “Mi auguro di non dovermi mai occupare di questi casi durante la mia vita!”.

Questo ha impedito a generazioni di terapeuti di comprendere che il bambino non può strutturarsi in modo armonico se non sa di essere uscito dai testicoli del padre.

E pur tuttavia il pensiero cinese, amerindio, africano e degli aborigeni australiani è da sempre aperto al transgenerazionale e fa del rapporto con gli antenati e della sessualità, una delle basi dell’individuo.

Questo è dimostrato dal fatto che non possiamo vivere senza un sistema di rappresentazione della morte indissociabile dalla sessualità e preoccupandoci che i nostri morti continuino tranquillamente il loro viaggio, dobbiamo e possiamo compiere un lavoro di igiene mentale, sia nell’interesse del defunto, che di chi gli sopravvive, dato che ognuno di noi è paralizzato da lutti e patologie ancestrali.

Anche lo psicanalista e agopuntore francese Didier Dumas che, con una visione singolare, si riallacciava alle antiche tradizioni sciamaniche in cui la sintesi di fruizione e compassione trasformano l’accecamento della sofferenza ancestrale in un trampolino di lancio verso la conoscenza è l’amore, affermava che il non pensato transgenerazionale, che appunto prende il nome di fantasma, è causa di danni considerevoli ai discendenti e nasconde essenzialmente delle problematiche di sesso e morte. Così scriveva: “Credo che sia essenziale capire che proveniamo da una società che è divenuta sempre più malata dove abbiamo confuso la conoscenza scientifica con Dio e ci siamo considerati dei maestri, che dotati dell’arma della scienza, abbiamo preso il potere di decidere e dominare tutto”.

La concezione freudiana,  pur affrontando eros e thanatos, si differenziava proprio nel rapporto con gli antenati, ed evitando la morte e interessandosi principalmente al lutto, non definiva nè l’inconscio collettivo, nè il “conscio collettivo”, non valutando la psiche familiare come un’entità che si comporta allo stesso modo della psiche dell’individuo.

Eppure la psicanalisi transgenerazionale era già stata magistralmente tratteggiata nella Bibbia, dove il ruolo dei patriarchi è quello di trasmettere, senza deteriorarlo, il soffio divino affidato ad Adamo. E questo soffio è la parola: se manca questa, la colpa e il peccato si trasmettono in modo simile al fantasma.

La matrice del nostro corpo è ovviamente l’utero materno, ma quella delle nostre strutture psichiche è l’insieme delle attività mentali, consce ed inconsce, espresse e non espresse; le parole e i fantasmi che hanno determinato l’incontro di due cellule producendo un embrione.

È quindi l’essere umano che, potendo immaginarsi e rappresentarsi un tempo in cui esisteva già prima della nascita, nel vissuto e nel linguaggio dei genitori, penserà di continuare ad esistere dopo la morte, proprio nel linguaggio.

Qualunque disturbo può essere causato dall’impossibilità  dei morti di essere liberati dai loro traumi, tanto i dolori quanto le illusioni. Il fantasma indicherebbe così quella formazione dell’inconscio che ha la particolarità di non essere mai stata cosciente e di risultare dal passaggio dall’inconscio di un antenato a quello di un discendente. Nella storia familiare i discendenti diventerebbero portatori di una tomba dove resta seppellito, come un morto-vivente, il segreto di un fatto inconfessabile.

Come risulta dai numerosi lavori e studi di Abraham prima e di Dumas poi, il fantasma è sempre un evento traumatico, una struttura emotiva familiare o collettiva, collegato al sesso o alla morte, molto raramente ad altro, che prima ancora di essere qualcosa che si trasmette al bambino, è un oggetto della struttura familiare.

Grazie

Elisabetta Adele 

elisabetta.ziliotto@yahoo.it

Immagini di proprietà del web

Per saperne di più

J. L. Henderson-D. N. Sherwood Trasformation of the Psyche the Symbolic Alchemy of the Splendore Solis, NY  2003

D. Dumas Et l’enfant créa le pére, Hachette Littératures, Paris 2000

N. Abraham, M.Torok La scorza e il nocciolo, Borla 1993

Vuoi organizzare un gruppo con me o contattarmi per sedute individuali di Costellazioni  Familiari e Sistemiche e di Theta Healing?

Messaggiami al 347 5545941

Elisabetta Adele Ziliotto

La relazione con l’Abbondanza

In “sistemica” il merito non esiste.

È un concetto che lega, imprigiona, il merito, ci porta fuori da noi stessi, mantenendoci in uno stadio costantemente bambino.

Il sistema assegna ai singoli individui un’eredità transgenerazionale che non è basata sul merito ma su vincoli di appartenenza.

Anziché osservare le vite degli altri lamentandomi della mia e pensando che la vita degli altri sia migliore perché io mi sono meritato di peggio e loro si sono meritati di meglio, poter osservare semplicemente “questa è la mia vita quella è la sua vita”, senza giudicare o pensare di sapere qual è o com’è, la vita dell’altro rispetto alla mia, perché tutti siamo in risonanza. Questo porterebbe vera quiete e osservazione, conseguentemente, presenza e focalizzazione.

Il denaro è un’energia libera e leggera, esso permette di vivere in questo sistema. Se non ci fosse il denaro ci sarebbe un altro strumento ma non cambierebbe la dinamica di relazione con esso.

Le persone con penuria di denaro, con difficoltà, nelle rappresentazioni sistemiche, non guardano mai il denaro, non lo guardano con amore, hanno abbandonato il senso del godere della vita, hanno abbandonato il sentimento di gratitudine nei confronti della vita non hanno rispetto per il denaro in realtà. Forse non l’hanno mai avuto, e qui interviene il ruolo del sistema di appartenenza.

Il denaro non è semplice denaro.

Questo atteggiamento fa sì che da esso ci si allontani.

Vivere la vita e l’abbondanza, e accettare il denaro e viverlo con coscienza, significa accettare la vita così com’è, ringraziando ciò che accade. Ringrazio di essere vivo e di poter essere al servizio della vita e stare nel desiderio di servire e quando voglio essere utile e creativo, la vita stessa mi ringrazia restituendomelo.

Il denaro è un’energia di ringraziamento che ci arriva quando (noi o un antenato) abbiamo prodotto qualcosa di realmente utile per le altre persone. A volte può essere il denaro, altre volte può essere uno scambio commisurato a ciò che abbiamo dato. Il denaro è energia di restituzione e scambio.

Ciò non significa che il denaro arrivi soltanto in presenza di una vita di ringraziamento, anzi! Possiamo però osservare che “l’abbondanza vera” arriva in un clima di ringraziamento nei confronti della vita e delle persone che ci circondano.

La prosperità, non necessariamente economica, è figlia del ringraziamento e dell’accettazione. La persona che sa ringraziare è una persona che sa vivere nell’abbondanza, un concetto che va oltre l’accumulo di ricchezza.

Ci sono quattro presupposti per ricevere l’abbondanza della vita, presupposti da accogliere nel cuore, perché il livello razionale non è condizione sufficiente ma solo necessaria

1) Dire GRAZIE, ringraziare la vita così com’è, questo è il primo passo. Le persone piene di rancore che sono sempre contro la vita, infastidite dagli altri, amareggiate, disgustate dalla vita che “gli è capitata”, non possono realmente vivere nell’abbondanza. L’abbondanza è una sorta di risposta dell’universo all’attitudine di ringraziamento per tutto ciò che esso offre, senza alcuna esclusione. L’atteggiamento che abbiamo nei confronti della vita è un atteggiamento ereditato dai nostri antenati, ed è quello che determina in un qualche modo la nostra capacità di stare al mondo con serenità e con abbondanza. I retaggi religiosi sul giudizio della ricchezza sono parte del boicottaggio del flusso.

2) essere al SERVIZIO: sapere che ciò che porto nel mondo ha una reale utilità per gli altri e sapere che sono strumento di un progetto più ampio che vada oltre il mio ego.

3) prendere i GENITORI così come sono. Accettarli incondizionatamente così come sono e portarli nel cuore. È accaduto ciò che è accaduto, sia con la madre che con il padre.

Prendere nostra madre nel cuore significa accogliere il successo della nascita nella nostra vita, prendere il padre significa accogliere e restare nella forza e nella focalizzazione, nella prosperità della proiezione e nella capacità di sentirci protetti e proiettati in un futuro di realizzazione.

Prendere la madre e il padre significa combinare il successo con la realizzazione professionale e ciò permette che l’abbondanza arrivi a noi. Quando tutto ciò accade questo movimento virtuoso può essere tramandato ai nostri figli senza alcun debito senza alcun difetto, perché ripulito da ogni senso di rivalsa e di giudizio.

Dai genitori ho preso la vita e la restituisco al mondo.

L’abbondanza è un movimento di risposta ad un movimento più ampio che quello del dare e del ricevere. Ciò che nel flusso dell’universo viene più apprezzato, da un punto di vista energetico, è il flusso di accettazione e di ringraziamento rispetto a quelle persone che sono le più difficili da amare, l’inclusione di coloro che in qualche modo vorremmo escludere, ciò innesca un meccanismo di abbondanza. Questa inclusione condurrà all’abbondanza quando si muoverà dal cuore, non dalla nostra razionalità, emergendo da un atteggiamento interiore di profondo rispetto per il vissuto di ognuno.

Le persone che vivono nell’abbondanza vera e non solo economica, sono sempre “servite”, sono in pace con tutto il mondo. L’abbondanza arriva loro perché amano e accettano tutto ciò che è, così com’è.

Ci sono persone che vivono nella ricchezza materiale e la cercano solo per loro stessi, come i bambini quando desiderano i giocattoli (o i genitori) tutti per loro, facendo i soldi calpestando i diritti degli altri e sulla vita degli altri. Saranno persone probabilmente ricche in questa vita, ma i loro discendenti pagheranno per le loro scelte, perché avranno l’eredità transgenerazionale di portare in equilibrio il sistema nell’ordine del dare e del prendere. In tre generazionil’equilibrio viene ripristinato.

4) rispettare il nostro RUOLO, saper rispettare gli ordini di arrivo. Ciò significa rispettare coloro che sono venuti prima di noi: noi siamo i piccoli e i nostri genitori sono i grandi. Sentirci più piccoli dei nostri genitori e non esigere ciò che non ci pertiene (come ad esempio un’eredità perché non è mia e nel momento in cui la sto pretendendo, io mi pongo in una posizione di superiorità rispetto alla persona che l’ha generata). Significa saper stare al nostro posto, significa sapere qual è il nostro posto rispetto a coloro che vengono prima di noi senza infantilismi latenti e in posizione adulta.

Saper rispettare il proprio ruolo davanti ai genitori, significa saperlo fare anche nella vita di fronte al nostro capo, sul lavoro di fronte ai nostri superiori, di fronte a coloro che, in generale, sono arrivati prima di noi anche nella vita di tutti giorni, e portare rispetto. Questo perché, con le persone al di fuori della nostra famiglia, noi riportiamo il riflesso del comportamento che abbiamo vissuto all’interno della nostra famiglia in modo inconsapevole.

Se mi trovo bene (intimamente) con i miei genitori e nei loro confronti io porto rispetto e non ho più nulla da dimostrare o recriminare, non avrò nessun problema a rapportarmi con chicchessia e le porte della vita saranno aperte ad un flusso virtuoso per me è per gli altri.

Grazie,

Sara Maite

saramaitegirardi@gmail.com


immagine di proprietà di naturenatura.com

Sentire Pensare

È la mente che prevarica il cuore…Ma è il cuore che sente!

Sentimento e pensiero due realtà separate tra di loro! E di solito la parte pensante è quella che prende il sopravvento, anche perché è più facilmente indotta dai condizionamenti e dai vissuti…

Tutta la nostra vita, dal momento del concepimento alla fine dei nostri giorni, è pilotata da eventi, situazioni, promesse ed artefatti, che incidono sulla struttura portante del nostro carattere e quindi sul nostro stato di salute, sia fisico che mentale.

Sapere che ruolo ha avuto e ha il concepimento sulla struttura comportamentale di un individuo è fondamentale, perché il non prendere coscienza di questa tematica porta tanti individui a lottare nel corso della loro vita, senza capire minimamente che questo sbarramento nasce ancora prima della vita.

Bambini non desiderati, bambini rifiutati o abortiti “psicologicamente ” ancor prima della nascita, sono individui che, pur nascendo nel tentativo di risolvere le problematiche irrisolte dei genitori, giocoforza porteranno dentro di sé l’ ombra del padre o della madre, o di entrambi.

Quando nasciamo scrutiamo le cose, ma non pensiamo. Ascoltiamo, tocchiamo, vediamo, annusiamo, parliamo, ma ancora non pensiamo! A mano a mano che cresciamo perdiamo l’ identitá di ciò che è reale, di ciò che è naturale, del bambino puro dentro noi.

Il comprendere o meglio ancora la consapevolezza di determinati eventi costituisce la colonna portante per la costruzione del nostro carattere e per la visione del nostro “destino”.

Sapere se fu vero amore l’accoppiamento dei nostri genitori, dell’ ovulo o dello sperma quando ci hanno generato è fondamentale, dato che questo viene registrato come un “malessere cellulare” all’interno del feto che ritrovandosi in una cassa armonica, quale l’utero, amplifica le tematiche mal vissute dal genitore, sotto forma di paura, angoscia, tristezza, frustrazione, collera…

Questa trama cellulare, che si sommerá alle altre trame relazionali della vita quotidiana, influenzerá il vissuto dell’ individuo che non riesce a riconoscersi come soggetto libero e staccato dal vissuto dei propri genitori. E dovrà comportarsi secondo schemi di comportamento atti a reprimere i suoi bisogni, i suoi sentimenti.

Significativo l’ esempio del bambino “represso” già quando la mamma lo allatta: là dove non c’è partecipazione nell’ atto, ma solo l’ obbligo di una poppata per non sentirlo piangere, porterà l’ adulto a crisi di panico, paura della vita; e questo divario tra ciò che il cuore sente e ciò che viene registrato dalla mente potrebbe essere riempito con surrogati quali cibo, alcool, sesso, droga…

Se reprimiamo ciò che è stato alla base del nostro concepimento, della nostra storia familiare, della nostra entrata in questa vita, lasceremo un vuoto non appagato, lotteremo contro il padre e o la madre senza considerare che sono stati figli a loro volta è che potrebbero essere a loro volta “bloccati” dai loro genitori.

Il nostro mal vissuto è registrato a livello genetico, viene trasmesso a livello ereditario e come dimostrato dal premio Nobel 1981 per la medicina, la biologa statunitense Barbara McClintok, che scoprì i “geni che saltano” (jumping genes), le alterazioni avvenute in un “tempo” più o meno lungo, dal concepimento alla manifestazione clinica organica, si ripercuoteranno sull’ organo bersaglio dove ritmo e tempo vengono scanditi come un orologio e se non viste e risolte, potranno produrre delle mutazioni genetiche.

Se un feto si sente “fuori luogo” e “fuori tempo” nel grembo materno, da adulto qualsiasi situazione similare funzionerà come un detonatore che accenderà una miccia preesistente già codificata nell’ individuo stesso.

Il pensiero è analitico e divide le cose per poterle definire. Ma è l’ Amore quello del quale il nostro cuore ha veramente bisogno.

Elisabetta Adele

Immagini di proprietà del web

Per saperne di più:

Guay M., 2001. Terapie Energetiche e Polarità Umana. Herpes Edizioni, Roma

Russel P.J., 2002. Genetica. Edises, Napoli

Vuoi o organizzare un gruppo con me? O contattarmi? Elisabetta.ziliotto@yahoo.it messaggiami su 347 5545941

Elisabetta Adele ZiliottoElisabetta Adele Ziliotto

Le Radici

“Qualunque cosa tu abbia da dire lascia le radici attaccate, falle penzolare con il terriccio giusto per chiarire da dove sono venute
(Charles Olson)

Il termine radice porta con sé il significati di fondamento, origine, fonte. Quando parliamo di radice ci riferiamo al suo significato primitivo e quando parliamo di essa  ci riferiamo all’ Origine.
In musica la radice é la nota sulla quale viene costruito l’accordo. Ed è per questo che la radix latina, sta a indicare che anche la più umile forma di vita può raggiungere la piena illuminazione.

Così come le nostre radici culturali, etniche e geografiche ci ricollegano alle origini ancestrali, agli strati profondi del processo evolutivo, alla matrice psichica del “tempo sacro”‘; così gli alberi familiari si sviluppano materialmente e mitologicamente dalle radici e continuano a crescere di generazione in generazione.

Allo stesso modo, le radici di un individuo si fanno strada tra gli strati del terreno personale e archetipo. La loro essenza, alimentata dal’ esperienza e dall’ immaginazione, influenza la capacità di generare nuovi germogli, prosperare e fiorire in modo creativo. Le radici possono creare solidi legami, ma anche rappresentare vincoli controproducenti e se assumono una forma troppo caotica, passare da un tempo dove erano vitali, ad un tempo improduttivo.

Le radici psicologiche dell’uomo affondano nel livello psicosomatico più profondo come è chiaramente dimostrato dall’immagine alchemica dell’Albero filosofico che mostra come i vari processi di sviluppo si basino sulle trasformazioni della coscienza, proprio come avviene nell’albero, e le energie dinamiche si palesano in forme archetipe.
Ecco quindi che le radici a volte si trovano a lottare in vari livelli, da quello subconscio, a quello genetico, a quello storico o e dell’ anima, in circostanze spesso così avverse, in terreni così rocciosi, da sembrare incompatibili con la vita. Ma il loro potere sta proprio nella capacità di trovare un varco, Sempre.
Elisabetta Adele

 

Immagine di proprietà del web

Amore o sfida?

#manipolazione #narcisismo #sfida #mollare #crocerossina #crocerossino

#loveyourself

Prima ti cerca perché gli/le piaci, ma ti tiene a distanza.

Solo quando decide che vuole compagnia puoi essere ammesso/a alla sua corte.

Poi ti cerca e quando ti trova, se ti apri ti distrugge e ti allontana.

La base di una relazione distorta sono già gettate.

Sfida: ci stai o molli?

Tu allora, se hai gli occhi aperti, molli e chiedi spazio per te e torni a vivere.

Ma il manipolatore il concetto di “spazio” non lo sa riconoscere perché gli è stato tolto sin da piccolo in modalità variegate.

Così come sin da piccolo è stato manipolato, oggi fa a te, ciò che mamma o papà (o qualcun altro) hanno fatto a lui.

Inconsapevolmente, certo.

Lo fa con te perchè non ha ancora risolto le questioni con loro due dentro se stesso/a.

Ci mancherebbe altro!

Non è intenzionale (o quasi).

Vogliono la tua presenza perché sei utile, per poi sfancularti non appena mostri la tua umanità, che li fa inorridire: scoprire la “percezione” dell’amore, della tenerezza, della comprensione, per loro è assai difficoltoso, quasi impossibile, perché la avvertono come un pericolo. Se provano amore scatta la difesa.

E tu diventi una nullità.

“Badaben” cara crocerossina o crocerossino di turno convinti che il “tuo amore basterà” per guarire ogni cosa…

forse sta parlando il bambino dentro di te, quello che da sempre ha cercato attenzioni per essere “visto/a”, ma attenzione… da soli non ce la si fa.

Serve un aiuto esterno qualificato e solo loro, esseri perfetti, possono chiederlo.

O tu x te stessa/o se ti senti a pezzi in una relazione vampira come questa.

Mediamente loro non lo faranno: loro non ne hanno bisogno, ci pensano da soli a guarire, e poi, loro stanno benissimo,

sono dei veri fenomeni di intelligenza (mentale non emotiva) in un mondo imperfetto.

Sai… ci sei già tu, pronta/o a farti prosciugare.

“Resta… restiamo amici…”

Pronti con le collane d’aglio?

Ecologicamente parlando, “osservare”, “accorgersi” e non entrare in certi meccanismi è sano per la nostra vita e quella dei nostri cari che dopo un po’ di tempo passato in relazioni come queste non ci riconoscono più.

Sono stati scritti fiumi di libri su #narcisismo e #manipolazioneaffettiva, ci sarà un perché?

Se ci cadiamo c’è un motivo e il vittimismo dell’innocente non salva nessuno, giusto il tempo di un paio di pianti e una leccata di ferite:

qualcosa di quel meccanismo ci ha affascinato e ha fatto presa inconsapevole su un nostro “gancio”?

Bene!

Allora ringraziamo il nostro carnefice e usiamo questa esperienza per guarire noi stessi prima di tutto,

così da non aver invano vissuto in tutto questo dolore.

Sara Maite Girardi

#costellazionifamiliari

http://www.naturenatura.com

Vuoi organizzare un gruppo in Italia o all’estero?

Scrivimi: saramaitegirardi@gmail.com oppure sara.girardi@icloud.com

Immagine: Roba da donne.

Quando soffro mi sembra di amare di più …

“Quando soffro amo di più”.

“Non riesco a concepire una relazione senza sofferenza”.

“Tutte le mie relazioni portano alla sofferenza”.

Mamma mi abbracciava con sofferenza e nella sofferenza:

“io come te, mamma”.

Questo è il ricordo che abbiamo dentro? … così le nostre relazioni diventano bisognose e consolatorie.

Una relazione divertente e coinvolgente non ti attira?

Alcuni di noi hanno conosciuto la tenerezza e l’abbraccio solo attraverso situazioni di sofferenza e dolore, talvolta di manipolazione e pretesa, e l’ancoraggio perdura fino alla fase adulta

sino a che non si volge lo sguardo alla “GIOIA come veicolo d’amore e nostro pieno diritto”

e non come a un tradimento del sistema di appartenenza.

Scegliere un uomo o una donna che amano il divertimento, la leggerezza e il sorriso non significa avere una relazione poco profonda.

Al contrario!

Tutto ciò, divertimento e leggerezza, viene confuso facilmente con l’avere una relazione sessuale senza impegno, che spesso copre un profondo disagio e un bisogno smodato d’affetto.

La relazione stabile che cresce nella leggerezza ha a che fare con un’intimità senza pari:

il creare gioia insieme richiede profonda e costante presenza, richiede il crollo degli schemi di appartenenza.

Scegliere una relazione duratura che porti gioia e divertimento per molte persone, uomini e donne, richiede uno sforzo enorme: l’andare oltre uno schema ereditato.

Quando si va oltre l’eredità di sistema scattano le resistenze e i sensi di colpa.

Tutto si supera con l’amore, l’amore non richiede sforzo.

Amore per ciò che è stato e per noi stessi, e con l’accoglienza delle figure genitoriali nel cuore, così come sono state e sono.

Scegliere è possibile, quando ci si dá il permesso di vedere da dove proveniamo e lo si lascia andare facendolo fluire tra i nostri ricordi.

Grazie al gruppo di ieri sera ❤️

Un maschile stabile e forte e un femminile accogliente e rigoglioso, pieni di intensità e amore.

SaraMaite

#costellazionifamiliari

http://www.naturenatura.com

Vuoi organizzare un gruppo nella tua città?

Contattami con un messaggio al 3931159019

Innamorarsi e amare

Innamorarsi è frutto di uno specchio, di una proiezione.

Ci innamoriamo di noi stessi guardando l’altro.

La base di partenza, per una relazione.

La base di partenza per arrivare alla fatidica frase: “non sei più quella/o di una volta!”

L’innamoramento è solo l’inizio di un’avventura che potrà essere duratura quando potremo andare oltre quello strato di immagini proiettate sullo schermo degli occhi dell’altro.

Un movimento collettivo “a due” (cit. Alberoni), innamorarsi, se solo lo sapessimo, tutto sarebbe molto più semplice e chiaro.

Puoi accogliere l’altro se non vedi e accogli “tutto ciò che è”?

Puoi relazionarti con l’altro se non ti accorgi di chi è dopo tanti anni di vissuto personale?

Puoi amarlo se non ami ciò che è stato prima di incontrarlo?

Puoi stare nel sentire e mollare il cervello che tende a dare nomi a ogni cosa e a dar voce alle paure più profonde, quelle del bambino ferito?

Il vero amore è forse questo: non cambiare l’altro ma osservare, percepire e scambiare.

Così si può crescere insieme.

Smettere di aggredire l’altro per avere ciò che il nostro sistema familiare non ci ha dato. Smettere di punire l’altro per ciò che da bambini abbiamo vissuto.

Iniziare a vivere momento dopo momento, istante dopo istante, se stessi e la relazione lasciando andare il controllo di ogni cosa, lasciando andare la paura di provare un’emozione, qualunque essa sia.

Fluire insieme ❤

SaraMaite