Menu Home

I Pesci e il senso del Ridere

“Cresci il giorno in cui hai la tua prima vera risata a te stesso.“ “La vita venuta in altri tempi dall’oceano primordiale, ritorna ora all’oceano più cosciente e ricca di esperienza“ Il cielo e l’oceano rappresentano i due simboli per eccellenza dei Pesci dal momento che, contemplando la superficie dell’oceano, non […]

Il “sonno” del Sagittario

L’astrologia ebraica afferma che il Sagittario, sempre in espansione, ha bisogno più di tutti di imparare a dormire bene. Infatti questo segno è associato al senso del sonno, e in senso lato significa che mai come in questo periodo si dovrebbe coltivare la capacità di rilassarsi, calmarsi, riposarsi. Il senso […]

Geometria Sacra della Creazione

  Aritmetica! Algebra! Geometria! Trinità grandiosa! Triangolo luminoso! Chi non vi ha conosciuto è un insensato! ma chi vi conosce e vi apprezza non vuole altri beni terreni, si contenta dei vostri magici godimenti e, portato dalle vostre ali scure, altro non desidera che d’elevarsi, con volo leggero verso la […]

Il testimone

Il testimone osserva, vede e com-prende. Il testimone non si identifica, il testimone non assorbe. Sa di essere “altro” in una scena che lo include ma non lo divora, perchè la scena esiste, ma non esiste. Fluisce e gode di una libertà nuova, chi sa essere testimone. Il testimone protegge […]

Il giardino-utero della Creazione

“Perché agitarsi tanto? Non andrai in cielo prima d’ essere tu stesso un cielo vivente.” Angelus Silesius  Sospeso tra Cielo e Terra l’Eden è un giardino aperto di gravità terrestre. I due alberi che crescono al centro rappresentano la dimensione uterina di questo giardino. Tenendo conto del cordone ombelicale, l’Albero della Vita […]

Il dolore ti seduce…

L’attaccamento al dolore avvelena passo dopo passo la vita, ci inebria col suo profumo e ci fa chinare il capo… lentamente… Cosa ti unisce al dolore? Chi o cosa rappresenta? Chi o cosa lasci andare se smetti di soffrire? Temi così di dimenticarlo o di essere dimenticato? Lascia andare e […]

Possiedo soltanto il presente… (Buon viaggio)

La carovana cominciò a viaggiare di giorno e di notte. Giungevano continuamente messaggeri incappucciati e il cammelliere, che era diventato amico del ragazzo, gli spiegò che la guerra fra clan era cominciata. Sarebbero stati fortunati se fossero riusciti ad arrivare all’oasi. Gli animali erano esausti e gli uomini sempre più […]