Verso Altri Mondi Interiori: una critica speciale al mio svago pittorico

(Tommaso 27) –  Gesù rispose loro: – Quando farete in modo che due siano uno, e farete si che l’interno sia come l’esterno e l’esterno come l’interno, e l’alto come il basso, e quando farete del maschio e della femmina una cosa sola, cosicché il maschio non sia più maschio e la femmina non sia più femmina, e quando metterete un occhio al posto di un occhio e una mano al posto di una mano e un piede al posto di un piede, un immagine al posto di un immagine, allora entrerete. –

Amo molto dipingere, uso spesso gli acquerelli.

Non ho particolari obiettivi o velleità, ciò che mi piace è dare vita, portare alla luce, le immagini che emergono dalle mie zone d’ombra.

Midnight Oniric Painting 2.2012

Midnight Oniric Painting 2.2012

Una pittura totalmente scevra di emozioni, come se mi facessi canale di qualcosa di “altro” rispetto a me.
E’ una trasmissione, un’uscita di immagini e movimenti e colori che da un passo all’altro prendono forma senza che io decida alcunchè.

Ribloggo con grande piacere ciò che la carissima Yanuk Lurjame*, studiosa di egittologia e di scienze della “tradizione”, ha pubblicato su alcune mie produzioni onorandomi con un gesto inaspettato quanto veramente ricco ed arricchente, per me e per tutti coloro che vorranno leggere.

_________________________________________

IMMAGINAZIONI DEI MONDI: SARAMAITE E I DIPINTI ONIRICI

 

L’ABITANTE BLU E LE DUE DANZATRICI

Un’altra Immaginazione di SaraMaite mi colpisce

Il particolare 1 mostra un Abitante del Mondo Interiore dal colore blu azzurro intento a plasmare un rivo serpentiforme nero , dentro un’atmosfera arancione. Il Blu , Irtyu in antico Egizio, è il colore che simboleggia il Prinicipio Divino, il Neter , della Resurrezione e della Morte Iniziatica.  La Fenice Benu e il Babbuino di Thot sono spesso raffigurati con questo colore.

Lo è anche Amon , il Dio Nascosto , che nella Tradizione passerà come il Sole Nero.  Il Blu rappresenta infatti il Sacrificio al quale un Iniziato Egizio  consacra al sua vita e il cui odore è dolce alle narici di Ra.  Secondo Hillman il blu era connesso alle Profondità  delle ombre , in cui ci si spinge quando si guarda in noi stessi ed legato al Mistero dell’Oltretomba e alla Trascendenza della Regalità Divina che scende negli Inferi per liberare le Anime. Il Manto della Vergine è ,difatti ,Azzurro e nella Preghiera Cattolica per eccellenza alla Signora Celeste si dichiara: – Ave Maria, Prega per Noi peccatori, adesso e nell’Ora della nostra morte- poiché uno dei suoi Principi Divini è l’Intercessione nell’Oltretomba verso Altissimo, in favore dell’Anima del Defunto .

Abbiamo parlato per l’Immaginazione precedente sull’importanza dell’Ombra per l’Anima, il blu secondo Hillman simboleggia l’Ombra nell’Imo.

La natura del colore lo rende una zona di passaggio fra il nero della notte e il bianco dell’alba, e infatti l’Abitante Blu dell’Immaginazione lavora con un rivo nero. Nella Tradizione Primordiale l’Uomo ha sempre connesso il Blu al volto dell’Energia Creatrice che ha preso diverso Nomi: Khrisna , Vishnu, Odino.

Infatti  il Blu, in Egitto è anche Nephertum  il Neter dell’Aroma Iniziatico, di quell’Odore Soave all’Altissimo nella Bibbia:

(Esdra 6):-  10 perché si facciano offerte di odore soave al Dio del cielo e si preghi per la vita del re e dei suoi figli. – 

Nephertum è anche il Signore del Loto Blu e fa parte della Trinità Creatrice assieme a Ptah e Sekhmet.  quest’Immaginazione, a mio avviso, ruota attorno a un preciso Passo del Libro dei Morti che lo vede coinvolto.  Si tratta del capitolo CLXXIV:

Formula per far discendere nella Dwat Colui che presiede all’Occidente (Osiride) , la Formula deve stare dietro la testa della mummia . “O Dio Unico senza uguali, che possiedi i due occhi sacri coi quali vedi e orecchie numerose con le quali ascolti, respira i simboli di vita e forza , sollevati al tuo naso come Nefertum! Tu che conosci i pensieri dell’infelice suo cuore rispondi al suo appello, conduci le membra del defunto al suo Guardiani! Non si allontaneranno mai da lui.”

Gli Occhi Sacri nella Dwat simboleggiata dall’Immaginazione sono sparsi un po’ ovunque, ma vi è proprio il Paio del quale parla il passo appena citato. Si trova in alto a sinistra in una zona dove regna l’Arancione chiaro. Il Capitolo implora la discesa di Osiride e infatti il Blu dell’Immaginazione lavora in Basso, come Nephertum che deve sollevarsi al naso. Osiride e Nephertum sono un’unica cosa, il secondo è l’Aroma del primo sprigionato dall’Anima che lavora con quell’acqua nera che vediamo fra le mani dell’Abitante Blu, perciò, questi è in connessione strettissima con i due Occhi nella Zona Arancione.

A rimarcare questa mia affermazione vi è un simbolo potente, due Cerchi uno superiore e uno inferiore, appena sopra l’Abitante Blu che si uniscono e nell’intersezione delle due circonferenze vi si forma una Mandorla Sacra nella quale si apre l’Occhio.

 

Dietro all’Abitante Blu vi è una Croce Solare più o meno dello stesso colore. Abbiamo appena visto che Nephertum fa parte della Trinità Creatrice con Ptah , Sekmeth e che il Blu appunto determina, in Egitto, il Neter della Creazione. Dalla Croce che diviene la Ruota del Grande Carro del Sole della Tradizione Solare, verso destra , la Croce cambia forma,  plasmandosi attraverso il Fiume Blu,   in un’altra Croce ancora,  l’ Ankh, la Croce della Vita, che i Neteru, i Principi Divini , della Creazione portano sempre nella mano destra, appunto.

Cosa sta dicendo il Profondo di quest’Immaginazione? A livello intuitivo sembrerebbe parlarci dei processi Creativi dell’Io Sono, unico, vero, creatore , sciolto dal pensiero e quindi libero dal piccolo io.  Scaligero scrive che il movimento rivolto alla percezione di stati d’animo , o istinti, o pensieri, restituisce alla vita dell’Anima le correnti creatrici dello Spirito. E afferma che il pensiero nello sforzo della concentrazione non si vincoli ancor più al sistema nervoso, non tenda il tessuto cerebrale, e non si leghi maggiormente alla fisicità dipende dal fatto che l’organo non sia stato deteriorato da esercizi o da atteggiamenti da pseudo maestri. Per questo le Immaginazioni delle persone che studio devono provenire dal Profondo di persone svincolate da quel mantra odierno che recita: “voglio viaggiare in astrale, voglio fare, voglio vedere la Dwat”, e, che nulla ha in comune con la Volontà Divina,  della quale invece i Sognatori delle Immaginazioni si fanno talora inconsapevoli portatori. L’atteggiamento dei falsari, infatti,  ritorna al discorso della “attivazione” da parte di agenti esterni, come per esempio le sostanze psicotrope o l’aiuto dei famigerati pseudo-maestri dai quali Scaligero mette in guardia.

Torniamo al Dipinto.

Secondo la mia visione la parte sinistra quindi ci narra della discesa di Osiride nella Dwat, attraverso la preghiera del Profondo della Pittrice, la Preghiera è il profumo, il Loto Blu Nephertum che al tempo stesso si eleva verso Osiride. Il Loto Blu e Osiride sono la stessa cosa in quell’Occhio che unisce i Mondi al di sopra dell’Abitante Blu, sulla sua Testa. Infatti lo Spirito Santo discende nella Kheter, la Corona dell’Anima Redenta , per andare nella Sefirot Nascosta, la Daat, la Conoscenza, l’Ammon Egizio. L’Anima così diviene quella di un Giusto di Bocca .

Nella parte centrale, abbiamo visto formarsi l’Ankh, la Chiave della Vita. Osservando con attenzione, attorno a questa Forma,  vi sono altri due Abitanti che sembrano Danzatrici. Sulla destra una di queste due forme porta una specie di tutù Blu, alla sinistra, la seconda ne indossa uno color rosso. Il Rosso Desr, in Egizio, era associato al Trionfo della Vita sulla Morte .

Era il secondo Colore della Fenice. E il rosso ha due valori opposti. È il colore dell’ira di Seth, colui che si ribellò all’ordine di Osiride. Ed è il colore della Vittoria di colui che trionfò sul ribelle, di Horus .  Infatti scendendo negli Inferi Horus, l’Occhio di Osiri , combatte contro Seth e lo defenestra dal trono usurpato, restituendo al Padre Celeste il suo Regno . la Fenice quindi è Blu, poiché contiene il Seme della Creazione Divina, e si incenerisce nel Grande Luogo Nascosto dell’Anima al cospetto del Dio Segreto, Ammon, ed è Rossa perché da questo sacrificio risorge vittoriosa e rigenerata . Per la Tradizione Egizia infatti il Rosso è anche il colore della Rigenerazione , e in Alchimia è lo stato di Restauro del Corpo di Luce, il Rubino Celeste.

Blu e Rosso nella Valle del Nilo si fondono assieme dando il Viola, che nella Tradizione Cristiana diviene il Porpora  del mantello del Cristo Re, il Risorto. Purple, porpora,  in Inglese significa infatti anche viola.

Il Mantello Purpureo è l’Unione delle due terre, che genera la Salvezza, come i cerchi fusi sulla testa dell’Abitante Blu generano l’Occhio Sacro.

Nella Danza duale delle due Forme possiamo intuire l’enorme portata del Messaggio che il Profondo di SaraMaite ci sta trasmettendo attraverso il Logos , è in Tommaso che troviamo la Chiave di Volta per capirlo:

(Tommaso 11) Gesù ha detto: –

Il cielo passerà

anche il cielo che sta sopra passerà

ma i morti non vivranno

e i vivi non moriranno.

Nei giorni in cui mangiavate i morti

li rendevate vivi.

Quando sarete nella Luce cosa dovrete fare?

Un tempo eravate uno

Poi siete divenuti due

Ma divenuti due

Cosa dovrete fare?

Il Blu, colore dell’Amore e della Grande Solennità Celeste, si amalgama con il Rosso della Vittoria e dell’Ira Divina, le due Danzatrici  sono messaggere di una Scrittura Divina che risponde al Messia,  il Salmo 84:

(…) Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore: egli annuncia la pace per il suo popolo, per i suoi fedeli, per chi ritorna a lui con fiducia. Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme, perché la sua gloria abiti la nostra terra. Amore e verità s’incontreranno, giustizia e pace si baceranno. Verità germoglierà dalla terra e giustizia si affaccerà dal cielo

Ancora in Tommaso, il Logos specifica attraverso le due Danzatrici del Profondo di quest’Immaginazione , le Parole del Padre Celeste:

(Tommaso 27) –  Gesù rispose loro: – Quando farete in modo che due siano uno, e farete si che l’interno sia come l’esterno e l’esterno come l’interno, e l’alto come il basso, e quando farete del maschio e della femmina una cosa sola, cosicché il maschio non sia più maschio e la femmina non sia più femmina, e quando metterete un occhio al posto di un occhio e una mano al posto di una mano e un piede al posto di un piede, un immagine al posto di un immagine, allora entrerete. –

leggendo bene questo Loghìa  intuiamo anche come avviene la discesa di Osiride . Dice esterno come interno, alto come basso: se guardiamo i cerchi sulla Testa dell’Abitatante Blu notiamo che sono l’uno nell’altro attraverso la Mandorla . il Profondo di SaraMaite con potenza ci consiglia di abbattere quei gusci, quei muri che dividono l’esterno dall’interno. Il guscio è  il mondo come lo percepiamo, il pensiero dell’io sciolto dalle Leggi dello Spirito, dalla Comunione del Blu con il Rosso , che genera Sapienza.

Ringrazio il Messaggero del Profondo, Unico e Vero Signore  Assoluto dei Mondi,  che mi ha concesso ancora una volta l’Onore di esplorare una Sua Immaginazione Pittorica . E ringrazio SaraMaite per la sua disposizione nel farmi entrare in questo Mondo.

Yanuk Lurjame*

_____________________

*trovate Yanuk Lurjiame su:
http://ritirointeriore.blogspot.it
http://www.xpublishing.it

Lascia un Commento, Grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...